L’ecosistema digitale per la cultura della Campania è online

Pubblicazione in tempi record per la pubblicazione di una versione aggiornata – in progress – dell’Ecosistema digitale per la cultura della Campania, per consentire ai cittadini di poter già fruire di contenuti culturali “restando a casa”.

L’Ecosistema digitale per la cultura è la piattaforma concepita dalla Regione Campania che fornisce informazioni, tour virtuali, schede catalografiche, esperienze immersive ed altri servizi multimediali legati alle attività ed ai beni culturali presenti sul territorio regionale. Un luogo virtuale attraverso il quale è possibile accedere alla rappresentazione digitale del patrimonio custodito da alcuni enti pubblici e privati, come documenti d’archivio, libri antichi e moderni, monumenti, opere d’arte, scavi archeologici, risorse culturali del cinema, della musica e dello spettacolo rese fruibili in ambiente digitale.

Il portale Cultura Campania, raggiungibile al link cultura.regione.campania.it, anche attraverso il sito istituzionale della regione, è un hub attraverso il quale si accede alle sezioni e i servizi previsti. Oggi è possibile navigare on line sul territorio regionale attraverso esperienze immersive, voli da drone, ricostruzioni 3D e tour virtuali che mostrano, in una modalità innovativa, i luoghi e i beni culturali che ne fanno parte. Inoltre, sono stati selezionati dei percorsi di approfondimento tematico con collezioni che permettono a tutti gli utenti, già in questa fase, di esplorare schede di dettaglio relative ad una parte del patrimonio storico-artistico, architettonico e archeologico della Campania. In più, una mappa rende disponibili e consultabili informazioni catalografiche geolocalizzate.

Nell’ecosistema digitale per la cultura della Regione Campania possono essere caricati materiali già digitalizzati secondo gli standard nazionali emanati dagli Istituti centrali del MIBACT e/o con determinate caratteristiche tecnologiche. E’ possibile chiedere informazioni e fare proposte inviando una mail a culturadigitale@regione.campania.it

COVID-19 Call for Proposals straordinaria CEI

La Central European Initiative (CEI) ha lanciato l’invito straordinario a presentare proposte per soddisfare le esigenze specifiche degli Stati membri in risposta all’epidemia globale causata dal COVID-19

Un budget totale di 600.000 euro – sostenuto da tutti gli Stati membri della CEI attraverso il Fondo di cooperazione CEI e dall’Italia attraverso il Programma di scambio di know-how nell’ambito del Fondo CEI presso la BERS – sarà assegnato per la concessione di proposte in tre aree di intervento:

  • Sanità e telemedicina (MED)
  • Istruzione ed e-learning / apprendimento a distanza (EDU)
  • Supporto alle micro, piccole e medie imprese (MSME)

A chi rivolto: gli enti pubblici e privati, le ONG con sede e registrati in uno Stato membro CEI e le organizzazioni internazionali / regionali possono richiedere una sovvenzione CEI fino al 100% del valore del loro progetto e fino a un importo massimo di 40.000 euro. Particolare attenzione verrà prestata ai paesi CEI di paesi terzi.

Scadenza 9 aprile 2020.

More info sulla pagina CEI dedicata.

 

#BuildforCOVID19: l’OMS lancia l’hackathon globale

Con l’hashtag #BuildforCOVID19 viene lanciato l’hackathon globale per contrastare il COVID-19 che prende il via il 26 marzo e si chiude il 30 marzo. A supportarlo, Facebook, Microsoft, Twitter, TikTok, WeChat, Pinterest, Slack e Giphy.

Una chiamata alle armi per gli sviluppatori di tutto il mondo per ideare e realizzare soluzioni software che abbiano un impatto sociale, con l’obiettivo di affrontare alcune delle sfide legate alla diffusione del coronavirus.

Sette le aree di interesse:

  • Salute – indirizzare e ridimensionare una serie di iniziative sanitarie, compresi i comportamenti di prevenzione / igiene (soprattutto per i paesi e le popolazioni a rischio), supporto agli operatori sanitari in prima linea, diffusione della telemedicina, strategie di tracciamento / contenimento dei contatti, sviluppo di trattamenti e diagnosi.
  • Segmenti di popolazione vulnerabili – l’insieme dei problemi che affliggono gli anziani e gli immuno-depressi, come l’accesso a pasti e generi alimentari e il sostegno a coloro che stanno perdendo lavoro e reddito.
  • Imprese – l’insieme di problemi che le aziende devono affrontare per rimanere a galla, collaborare efficacemente e spostare parti della propria attività sul digitale.
  • Comunità – promozione della connessione con amici, familiari e vicini per combattere l’isolamento sociale e la digitalizzazione dei servizi pubblici per i governi locali.
  • Istruzione – ambienti e strumenti di apprendimento alternativi per studenti, insegnanti e interi sistemi scolastici.
  • Intrattenimento – alternative alle forme di intrattenimento tradizionali che possono mantenere il talento e il pubblico sani e salvi.
  • Altro: i temi sopra riportati sono solo suggerimenti, gli organizzatori aspettano tutti i suggerimenti e le idee che possano essere utili in questo momento.

L’hackathon termina alle ore 9:00 del 30 marzo. La giuria proclamerà i progetti vincitori il 4 aprile.

ISCRIZIONE ALL’HACKATHON

Innovation Village Award: aperte le candidature fino al 25 febbraio

​Aperte le candidature per l ‘Innovation Village Award, che intende premiare gli innovatori che abbiano sviluppato tecnologie, prodotti o soluzioni già sul mercato, o comunque testate a un livello di prototipo, in grado contribuire al raggiungimento dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dall’Agenda Onu 2030. Numerosi i settori d’interesse, tra cui manifattura digitale e materiali, design, IT e IOT, beni culturali, salute, ambiente, agricoltura, mobilità, energia, blue growth e innovazione sociale.

Il premio è istituito nell’ambito della manifestazione Innovation Village – dal 26 al 28 marzo al Museo Nazionale di Pietrarsa –e sostenuto da Knowledge for Business, insieme ad ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, ed Enea – Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, e in partnership con Ordine degli Ingegneri di Napoli, Materias e SellaLab. Per inviare le proposte c’è tempo fino al 25 Febbraio, possono candidarsi sul sito di Innovation Village innovatori, professionisti, maker, ricercatori, associazioni e fondazioni, piccole e medie imprese, startup e spinoff.

I progetti saranno valutati da una giuria composta da esperti nominati da Innovation Village.

  • I migliori avranno diritto a premi in denaro 5.000 euro al primo classificato e 2.000 euro al secondo.
  • Previsto un premio speciale offerto da Materias di 3.000 euro per tecnologie innovative nei settori dei materiali avanzati con programma di accelerazione di 3 mesi e servizi specialistici per la crescita e valorizzazione della tecnologia;
  • e un premio speciale dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli riservato a ingegneri under 30, che prevede due voucher per la partecipazione a corsi di formazione e aggiornamento organizzati dall’Ordine.
  • Prevista inoltre una menzione speciale SellaLab per i progetti di impresa a carattere innovativo con in palio una postazione di co-working per 3 mesi in una delle sedi italiane del SellaLab.

La cerimonia di premiazione si terrà giovedì 26 Marzo al Museo Nazionale di Pietrarsa, nel corso dell’evento di apertura di Innovation Village 2020. I primi 10 progetti classificati avranno la possibilità di esporre prototipi o materiali all’interno dell’area dedicata al premio e saranno inseriti nel Catalogo delle innovazioni pubblicato sul sito della manifestazione. Il catalogo raccoglie già i migliori progetti della prima edizione di Innovation Village Award e vuole contribuire alla diffusione dell’innovazione in termini di sviluppo sostenibile. I progetti sono catalogati in schede che possono essere consultate singolarmente, e che contengono una sintesi introduttiva, la presentazione e un video illustrativo.

Online l’ecosistema digitale per la cultura della Campania

Pubblicazione in tempi record per la pubblicazione di una versione aggiornata – in progress – dell’Ecosistema digitale per la cultura della Campania, per consentire ai cittadini di poter già fruire di contenuti culturali “restando a casa”.

L’Ecosistema digitale per la cultura è la piattaforma concepita dalla Regione Campania che fornisce informazioni, tour virtuali, schede catalografiche, esperienze immersive ed altri servizi multimediali legati alle attività ed ai beni culturali presenti sul territorio regionale. Un luogo virtuale attraverso il quale è possibile accedere alla rappresentazione digitale del patrimonio custodito da alcuni enti pubblici e privati,  come documenti d’archivio, libri antichi e moderni, monumenti, opere d’arte, scavi archeologici, risorse culturali del cinema, della musica e dello spettacolo rese fruibili in ambiente digitale.

Il portale Cultura Campania, raggiungibile al link cultura.regione.campania.it, anche attraverso il sito istituzionale della regione, è un hub attraverso il quale si accede alle sezioni e i servizi previsti. Oggi è possibile navigare on line sul territorio regionale attraverso esperienze immersive, voli da drone, ricostruzioni 3D e tour virtuali che mostrano, in una modalità innovativa, i luoghi e i beni culturali che ne fanno parte. Inoltre, sono stati selezionati dei percorsi di approfondimento tematico con collezioni che permettono a tutti gli utenti, già in questa fase, di esplorare schede di dettaglio relative ad una parte del patrimonio storico-artistico, architettonico e archeologico della Campania. In più, una mappa rende disponibili e consultabili informazioni catalografiche geolocalizzate.

Nell’ecosistema digitale per la cultura della Regione Campania possono essere caricati materiali già digitalizzati secondo gli standard nazionali emanati dagli Istituti centrali del MIBACT e/o con determinate caratteristiche tecnologiche. E’ possibile chiedere informazioni e fare proposte inviando una mail a culturadigitale@regione.campania.it

31/12/2019: il bilancio di un anno di innovazione

Con l’arrivo delle festività e con il momentaneo rallentare dei ritmi del nostro lavoro, diventa quasi naturale fermarsi per fare un bilancio dell’anno che ci lasciamo alle spalle.

E’ stato un 2019 importante per la valorizzazione dell’innovazione proveniente dall’ecosistema campano e per connetterla con i mercati internazionali.

Il panorama dell’innovazione campana continua a confermarsi vivacissimo: la Regione Campania è di gran lunga la prima regione del Mezzogiorno, con 896 startup, l’8% in più rispetto allo scorso anno e Napoli si posiziona sul podio delle province italiane.
Gli investimenti per il consolidamento del Polo Universitario di San Giovanni a Teducciodell’Università Federico II di Napoli lo hanno reso uno dei più importanti hub internazionali per le competenze e le tecnologie digitali. Grazie a questa capacità attrattiva sono molti i player e le multinazionali approdati in Campania.
Risultati resi possibili grazie al sostegno che la Regione dedica ai processi innovativi con misure dedicate, iniziative e finanziamenti.

Siamo una terra ad alto tasso di innovazione.

Siamo stati pionieri nell’individuazione della domanda di innovazione pubblica come leva di sviluppo industriale. La Campania è la prima regione a sottoscrivere accordo con Agenzia per l’Italia Digitale e SoReSa per il rafforzamento e la qualificazione della domanda di innovazione proveniente dalla PA.

Abbiamo realizzato il primo marketplace pubblico dell’innovazionedove le imprese e la PA possono esprimere i loro fabbisogni e cercare soluzioni tecnologiche. Un ambiente collaborativo per promuovere l’ecosistema dell’innovazione – popolato da oltre 900 utenti e 100 organizzazioni– e dall’inizio di dicembre anche una vetrina dei talenti, invenzioni, scoperte, prodotti e servizi.

Continua a leggere su Campania Competitiva…

Appuntamento a SMAU Napoli, il 12-13 dicembre alla Mostra d’Oltremare

I prossimi 12 e 13 dicembre SMAU fa tappa a Napoli!

Per due giorni alla Mostra d’Oltremare, un programma articolato in tavoli di lavoro, live show e workshop e un’area espositiva con le soluzioni tecnologiche provenienti da startup, spin off, distretti ad alta tecnologia, incubatori e centri di ricerca.

Ti segnaliamo questi appuntamenti:

L’applicazione di strategie innovative a settori tradizionali: “Campania Cultura”
12 dicembre dalle 12:00
Campania Cultura è il primo ecosistema digitale per i beni culturali realizzato in Italia che consente alla Campania di presentarsi come una regione di eccellenza. Un esperimento unico che riunisce in una sola piattaforma il grande patrimonio culturale campano, una risorsa eccezionale per applicazioni industriali e culturali a disposizione di studiosi, operatori culturali, startup e innovatori.

Le sfide della social innovation: tecnologie e creatività al servizio di persone e territori
12 dicembre dalle 13:00

Scenari e traiettorie evolutive dell’innovazione di processo e di prodotto, in grado di generare valore e cambiamento culturale. Un ruolo centrale sarà dato alle storie di innovazione sociale che hanno fatto la differenza rispondendo ai bisogni degli individui e delle collettività.

La piattaforma regionale di Open Innovation: i matching realizzati e le sfide aperte
12 dicembre dalle ore 16:00

La Campania è all’avanguardia nelle strategie di sviluppo in ottica Open Innovation e infatti è la prima regione ad avere un marketplace strutturato e continuativo per facilitare il matching tra domanda di innovazione proveniente da grandi imprese e offerta tecnologica proveniente da startup, spin off e PMI. Un’occasione importante per ascoltare le esperienze degli utilizzatori della piattaforma e i fabbisogni di innovazione di player chiave dell’economia nazionale.

Open Data nella Pubblica Amministrazione: l’utilizzo dei dati digitali a beneficio dell’economia e della società
13 dicembre dalle ore 14:00

La pubblica amministrazione è uno dei soggetti a maggiore intensità di dati, rendere disponibili queste informazioni e facilitare il riutilizzo di questi dati può contribuire alla crescita dell’economia europea e a fronteggiare le sfide della società contemporanea.

Registrati al sito www.smau.it/napoli19, inserisci questo codice invito, crea la tua agenda di visita e usufruisci dell’ingresso gratuito all’evento.
Codice invito: 6149723805
Oppure vai al seguente link www.smau.it/invite/na19/sviluppo-campania/

TBIZ 2019: al via la Call for ideas

TechnologyBiz | 22 novembre 2019| Napoli
Call For Ideas

Il 22 novembre 2019 torna il TechnologyBiz, festival dell’Innovazione digitale e sociale che mette in connessione idee e progetti innovativi con il tessuto imprenditoriale.

La Call for Ideas 2019 seleziona idee brevettabili/brevettate o proposte innovative per le imprese campane in linea con le challenge di innovazione pubblicate sulla piattaforma di Open Innovation della Regione Campania.

Nato nel 2009, quest’anno il TechnologyBiz pone il focus sul trasferimento tecnologico, per favorire l’incontro tra il mondo della ricerca e le esigenze di innovazione delle imprese, per fare in modo che la ricerca, grazie all’impresa, diventi un prodotto spendibile sul mercato.

Un’occasione unica in cui per i portatori di idee e soluzioni tecnologiche che potranno proporle a una platea fatta di grande impresa, PMI, mondo delle professioni e investitori.

Le idee selezionate parteciperanno gratuitamente alla decima edizione di Tbiz, che si terrà nella suggestiva location di Palazzo Caracciolo, proprio al centro della città di Napoli. A loro disposizione una postazione e un’accurata attività di scouting, con almeno due appuntamenti con il mondo delle imprese e delle professioni. Inoltre sarà possibile beneficiare anche di attività promozionali online con la pubblicazione dell’idea/progetto sul sito tbiz.it, e la diffusione della stessa sui canali social e la newsletter.

Per saperne di più e scaricare gli allegati TechnologyBiz2019

Hacknight@Museum 2019: ecco tutti i vincitori della quarta edizione

Record di challenge con 11 sfide per 15 promotori, grande partecipazione con oltre 200 ragazzi e ragazze divisi in 26 squadre pronte a sfidarsi a “colpi di codice”: questi i principali numeri della quarta edizione di The Big Hack – HackNight@Museum l’appuntamento tradizionale promosso dalla Regione Campania e organizzato da “Maker Faire Rome – The European Edition” e Sviluppo Campania, in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

Scenario della maratona di programmazione è stato il Complesso Museale dei Santi Marcellino e Festo, gioiello dell’architettura barocca nel cuore di Napoli, dove ieri sera si è anche tenuto il laboratorio di Artificial Musical Intelligence di Alex Braga che ha illuminato la notte napoletana con suoni sperimentali e giochi di luci.

I 26 team sono arrivati da tutte le parti d’Italia, ma anche dalla Russia e dalla Germania, e hanno elaborato i progetti da presentare alle aziende coinvolte dimostrando grande affiatamento e lavorando ininterrottamente per poco meno di 24 ore. A chiedere loro di immaginare soluzioni innovative per risolvere “problemi” sulle tematiche emergenti a livello globale sono state la Regione CampaniaSo.Re.Sa. e Azienda Ospedaliera dei Colli, Eni, Centro Ricerche di FCAACEATrenitalia-Ferrovie dello Stato ItalianeAlmavivaConsorzio Clara-CiscoElectroluxHealthwareMerck, Tecno-Museo di Capodimonte.

The Big Hack – HackNight@Museum si è concluso con la premiazione nella splendida location del Complesso dei Santi Marcellino e Festo – Università degli Studi di Napoli “Federico II” durante la quale sono stati proclamati i vincitori. Sul palco i finalisti hanno presentato le loro idee per applicazioni e progetti concreti dalla mobilità alla valorizzazione dei beni culturali e architettonici, fino alla sostenibilità ambientale, alla salute e alla didattica.

“Una quarta edizione – afferma Valeria Fascione, assessore alle Startup, Innovazione e Internazionalizzazione della Regione Campania – che ha confermato l’importanza di questa maratona che attiva la creatività dei giovani e al contempo attrae l’interesse crescente di importanti aziende nazionali e internazionali che arrivano a caccia di soluzioni innovative e di nuovi talenti da assumere. É stato un hackathon da record per numero di challenge e promotori, che ci ha consentito di portare nel cuore di Napoli 200 ragazzi e 15 big player e farli cooperare per 24 ore, come sempre in un approccio open. Le sfide, infatti, verranno anche rese disponibili sulla nostra piattaforma di Open Innovation per ampliare le opportunità di interazione e matching tra innovatori campani e aziende.”

L’iniziativa è co-finanziata dall’Unione Europea e realizzata nell’ambito del POR FESR 2014-2020 Obiettivo Tematico 1 – Ricerca e Innovazione.

The Big Hack – HackNight@Museum è la tappa esclusiva di avvicinamento alla settima edizione di “Maker Faire Rome – The European Edition”, evento organizzato dalla Camera di Commercio di Roma, che si svolgerà nella Capitale dal 18 al 20 ottobre presso la Fiera di Roma.

Ad aggiudicarsi i premi in palio sono stati:

“DreN” per Regione Campania, So.Re.Sa, Azienda Ospedaliera Colli

Applicazione sviluppata che permette l’acquisizione di dati riferiti al virus dell’influenza. è possibile monitorare la sua diffusione in tempo reale, ricevere consigli sulla prevenzione dell’influenza e per il suo trattamento. Il tutto implementato con tecnologie come: Intelligenza Artificiale, Database, Geolocalizzazione.

“Ocean’s Five” per Eni

Water Sharing è una piattaforma web che promuove l’utilizza di acque Syndial attraverso l’analisi dei dati e incentiva comportamenti virtuosi attraverso politiche di marketing dedicate ai partner.

“Dolcemente Amaro” per Centro Ricerche di FCA

Il progetto consiste nella progettazione di una piattaforma driver system che permette di migliorare l’interazione tra uomo, auto e ambiente circostante mentre è alla guida con una riduzione dei rischi, grazie all’utilizzo di tecnologie innovative. Tra le varie funzioni pensate abbiamo delineato diversi campi tematici tra cui quelli delle health, wellness e info assistant.

 

“Gandalf Team” per Acea

Applicazione che snellisce e facilità la gestione delle proprie utenze Acea

 

“Trainoholics” per Trenitalia-Ferrovie dello Stato Italiane

Trenitalia + un assistente per i passeggeri Trenitalia che aiuta nell’orientamento ai servizi presenti nelle stazioni, chiedere assistenza personale per bisogni speciali e controllare lo stato dei treni.

“Night Monkeys” per Almaviva

GreenCom si occupa di fornire agli utenti dei premi in cambio di una condotta ecosostenibile, incentrata sull’acquisto di beni di consumo a basso impatto ambientale.

“How I Met Your Challenge” per Consorzio Clara-Cisco

Il progetto si propone di innovare il processo di apprendimento dei discenti in aule scolastiche grazie all’ausilio della tecnologia Cisco. In particolare viene promosso il metodo di apprendimento Montessoriano dando la possibilità agli alunni attraverso gamification e altri servizi di imparare collaborando e interagendo con i docenti.

“Mambo No.5” per Electrolux

Una app per frigo smart che sia compatibile ed interconnessa con tutti gli altri elettrodomestici smart Electrolux. Attraverso tecnologie esistenti e future l’app permetterà di avere un totale controllo sul contenuto del frigo e sull’acquisto di alimenti, oltre a gestire le altre riserve di cibo come la dispensa. Così sarà possibile ridurre fino ad eliminare lo spreco di cibo e condividere il cibo in eccesso con il proprio network di amici.

 

Gate42″ per Healthware

HeasyCheck è una piattaforma che permette di semplificare il processo di ricerca delle attività mediche preventive intorno a te e che fornisce pillole d’informazione per una salute più consapevole.

“Fertilyteam” per Merck Italia

Una app che funzioni come hub della sessualità femminile di modo da aumentare la consapevolezza delle possibilità di concepire con l’aumentare dell’età.

La Mia Campania per Tecno e Museo e Real Bosco di Capodimonte

Una app che rende la visita al Museo di Capodimonte un’esperienza unica e coinvolgente, stimolandone l`interesse già da  casa e aiutandolo a comporre la propria visita personalizzata, presentandosi come una guida digitale a 360°.

 

Ricordiamo le Challenge che i promotori hanno lanciato ai partecipanti:

SMAQ – Smart & Quick. Challenge promossa da Trenitalia, società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiano.
Sviluppare nuove componenti integrabili nelle app e nei canali digitali già esistenti, che siano legate a singole funzionalità e focalizzate sul miglioramento dell’esperienza utente.

Water Hack. Challenge promossa da Eni.
Trovare soluzioni innovative e digitali per massimizzare le opzioni di riutilizzo efficiente delle acque.

Hackera il rifiuto. Challenge promossa da Almaviva.
Utilizzare le nuove tecnologie – IoT, Blockchain, Machine Learning, Artificial Intelligence, etc. – per stimolare l’innovazione industriale e sensibilizzare maggiormente le comunità nell’ambito della gestione sostenibile dei rifiuti.

1-Click Energia. Challenge promossa da Acea Spa.
Realizzare un servizio che permetta ai nuovi clienti di conoscere costi e dettagli della migliore offerta di fornitura disponibile.

Digitalizzazione: strumento e opportunità per una mobilità più smart. Challenge promossa da Centro Ricerche Fca.
In contesto automotive, realizzare soluzione anche IoT, per la realizzazione di un’esperienza di viaggio interattiva e coinvolgente.

Trip Experience: make your tour. Challenge promossa da Tecno e Museo e Real Bosco di Capodimonte.
Realizzare un’applicazione per dare ai visitatori la possibilità di comporre la propria visita virtuale del Museo e Real Bosco di Capodimonte, “memorizzandola” su app considerala sui sociale e ottenere feedback da tutti i visitatori reali e virtuali.

Build the digital health future. Challenge promossa da Healthware International.
Trovare soluzioni digitali che facilitino l’accesso ai servizi per la salute a 360° da parte del paziente: dalla gestione e interpretazione dei propri dati, alla interazione con il medico e viceversa.

Living for the better. Challenge promossa da Electrolux.
Esplorare nuove soluzioni e nuovi modelli di business per sostenere e ispirare i consumatori nell’ambito del gusto, integrando l’utilizzo dei grandi e piccoli elettrodomestici presenti in una cucina prodotti da Electrolux.

Aiutiamo le coppie a realizzare il loro sogno. Challenge promossa da Merck Italia.
Proporre soluzioni digitali finalizzate ad aumentare la consapevolezza nelle coppie, e in particolare nelle donne oltre i 35 anni, sulla riduzione dei tassi di fertilità di anno in anno, creare le condizioni affinché le coppie si rivolgano in tempo a uno specialista quando riscontrano difficoltà di concepimento e accelerare i tempi del percorso diagnostico terapeutico.

Ripensa al modo in cui si può fare didattica. Challenge promossa da Consorzio Clara – Cisco.
Ideare una soluzione di gestione dell’«aula digitale», integrando la tecnologia di Collaboration Cisco Webex Teams, al fine di migliorarne il monitoraggio ed il controllo oltre che all’interazione tra il docente e il discente e tutta la community collegata.

InfluXApp. Challenge promossa da Regione Campania, So.Re.Sa. e Azienda Ospedaliera dei Colli.
Creare un sistema di sorveglianza dell’influenza stagionale, smartphone e web based, che renda il cittadino “influenzato” parte attiva del sistema di monitoraggio, in una sorta di social network informativo epidemiologico.

The Big Hack – HackNight@Museum, torna a Napoli: sabato 5 e domenica 6 ottobre,

The Big Hack – HackNight@Museum, torna a Napoli: sabato 5 e domenica 6 ottobre, un weekend non-stop di creatività, tecnologia e condivisione nel complesso dei Santi Marcellino e Festo – Università degli Studi di Napoli “Federico II”

Quarta edizione diThe Big Hack – HackNight@Museum, la maratona di programmazione promossa dalla Regione Campania e realizzato da “Maker Faire Rome – The European Edition 4.0” con Sviluppo Campania e in collaborazione con l’Università degli studi di Napoli “Federico II”.

Nel prossimo fine settimana, nel complesso museale dei Santi Marcellino e Festo – patrimonio dell’Università degli studi di Napoli “Federico II” – sono attesi più di 200 sviluppatori, maker, ingegneri, designer, startupper, studenti ed esperti di comunicazione che lavoreranno per due giorni per trovare soluzioni e progetti concreti in ambiti strategici e diversificati.

The Big Hack – HackNight@Museumè l’appuntamento tradizionale promosso dall’Assessorato all’Innovazione, Startup e Internazionalizzazione della Regione Campania che coincide con l’apertura dell’anno accademico della Apple Developer Academy e che si inserisce nella strategia regionale di promozione e diffusione delle competenze digitali,in particolare presso i giovani per avvicinarli allo studio delle discipline scientifiche.

Le challenge sono lanciate da: Regione Campania, Centro Ricerche di FCA, ACEA, Almaviva, Consorzio Clara-Cisco, Electrolux, Eni, Healthware, Merck, So.Re.Sa. – Azienda Ospedaliera dei Colli, Tecno-Museo di Capodimonte, Trenitalia-Ferrovie dello Stato.

Ciascun promotore metterà in palio un premio da assegnare al team vincitore della propria sfida: quest’anno il montepremi complessivo ammonta a più di 30mila euro tra buoni di acquisto, servizi business orientede viaggi per importanti eventi tecnologici internazionali. Tutte le challenge saranno anche diffuse attraverso la piattaforma di Open Innovation della Regione Campania, un vero e proprio Marketplace dell’Innovazione, l’unica in Italia a consentire anche agli enti pubblici di esprimere una propria domanda di nuove tecnologie e soluzioni coinvolgendo soggetti quali imprese, startup, università e centri di ricerca.